|

Espatrio è sinonimo di stress

“Espatrio è sinonimo di Stress” si trova sul sito “Tornare in Sicilia” di Chiara Crisci.  – Articolo originale 

Ogni processo migratorio porta con sé aspettative, desideri, paure, preoccupazioni e… tanto stress! Come ho raccontato a proposito dei dubbi e delle insicurezze dell’espatrio, andar via dalla Sicilia non è stata una scelta facile. Al di là delle mie motivazioni personali, l’espatrio è un processo emotivamente e burocraticamente complesso in cui entrano in gioco numerosi fattori, molti dei quali sono fuori dal nostro controllo.

Decidere di mollare tutto per trasferirsi all’estero può essere eccitante e terrificante insieme:la frenesia per la novità e la voglia di cambiamento si scontrano con la tristezza dei saluti e la paura dell’ignoto. Un altro conflitto tipico dell’espatrio è quello che vede contrapporre aspettative e realtà. Molte persone, infatti, tendono ad idealizzare la vita all’estero riversandovi desideri e speranze di successo, benessere e felicità che possono essere disattese dalla realtà. Quando l’immaginazione si scontra con la realtà dell’espatrio il nostro livello di frustrazione e stress aumenta e la nostra esperienza di expat si trasforma da un’eccitante avventura in un incubo.

Sviluppo Personale, emozioni, intervista, l'ego, espatrio, Superare le Sfide, Salute Mentale, Mentalità Positiva, Contenuti Ispiratori, stress, Trasformazione, Miglioramento Personale, Autostima, Consapevolezza, Pace Interiore, Ansia, Come superare l'ansia, Metodo V2V Venerina

Ad andare a braccetto con le aspettative ci sono, poi, le paure legate all’espatrio. La paura è un sentimento che accompagna sempre i grandi cambiamenti (positivi o negativi che siano), ma ogni persona la proietta su qualcosa di diverso. Nel mio caso era l’attaccamento alle radici: mi faceva paura convivere con la nostalgia di casa, non poter essere presente nel momento del bisogno, non avere la possibilità di vedere la mia famiglia molto spesso, perdermi momenti e persone che non sarebbero più tornate.

Durante un’emigrazione si vivono tutte le emozioni primarie in maniera amplificata, ma la paura è forse quella che ci accompagna di più. La paura è un’emozione spiacevole che nasce dalla naturale avversione al rischio o alla minaccia e che è responsabile dell’aumento dei livelli di stress e di “reazioni organiche” nel nostro corpo. Lo stress è una reazione fisiologica dell’organismo, una “Sindrome Generale di Adattamento” che il medico austriaco Hans Selye definì come la risposta che l’organismo mette in atto quando è soggetto agli effetti prolungati di molteplici fattori di stress, quali stimoli fisici, mentali, sociali o ambientali. 

Ho chiesto alla psicologa Venerina Conti di raccontarmi come e perché l’emigrazione può causare stress e quali sono i principali effetti mentali, psicologici ed emotivi di un espatrio.

Sviluppo Personale, l'Ego, intervista, Superare le Sfide, Salute Mentale Mentalità Positiva, Contenuti Ispiratori, Trasformazione, Miglioramento Personale Autostima Consapevolezza, Procrastinazione, Corso online, Supera la procrastinazione, ansia,

Effetti mentali, psicologici ed emotivi dell’espatrio

Grazie Chiara. La migrazione non è un processo facile per nessuno. Richiede una grande dose di coraggio, forza di carattere, determinazione e adattabilità. Io stessa ho vissuto e lavorato in quasi 42 paesi e ogni volta che mi sono trasferita, c’è stato un grande sconvolgimento nella mia vita, a livello mentale, emotivo e fisico. 

Naturalmente, gli effetti della migrazione varieranno da individuo a individuo e dipenderanno da fattori come il motivo della migrazione, le circostanze alla base della migrazione, il supporto sociale e le condizioni di vita nel paese di destinazione. Capisco l’euforia e l’entusiasmo nel sognare di vivere in un paese diverso. Tuttavia, comprendo anche le paure spaventose e le incertezze che sorgono dall’ignoto futuro che attende, specialmente se una persona è costretta a emigrare anziché fare una scelta consapevole di cambiare paese. 

Dal punto di vista mentale, psicologico ed emotivo, la migrazione può causare un grande stress e ansia per una serie di motivi. Le persone possono preoccuparsi dei dettagli della migrazione, ad esempio i viaggi, le spese, le date, le modalità di trasporto, il trasporto dei beni, ecc. In questi scenari, c’è una tendenza a pensarci troppo. Ci preoccupiamo della sicurezza del trasporto dei nostri averi. Ci preoccupiamo delle spese che dovremo sostenere. Potremmo preoccuparci delle tempistiche e di tutto il resto relativo ai dettagli della nostra migrazione. 

Lo stress legato alla pianificazione e all’organizzazione della migrazione può avere un notevole impatto su di noi a livello mentale, emotivo e fisico. Gran parte di questo stress deriverà dalla ricerca di fornitori di qualità per la spedizione, dalla ricerca di alloggi nel paese di destinazione, dalla ricerca di un lavoro se ne abbiamo bisogno e dall’organizzazione dell’assicurazione e dell’assistenza sanitaria. Ulteriori stress derivano dalla decisione su come raggiungeremo il paese di destinazione. Se abbiamo animali domestici, dobbiamo preoccuparci delle loro vaccinazioni, dei loro passaporti e delle leggi sugli animali domestici nel paese di destinazione. Se abbiamo figli, ci preoccuperemo della loro integrazione e delle esigenze scolastiche. 

sblocca il tuo potere interiore, la mente, trasformazione della mente, svilluppo personale, crescitä interiore, mente-corpo-anima, VENERINA, V2V METHOD

Un’altra paura che sicuramente si presenterà è la paura dell’ignoto. Questo avviene quando iniziamo a pensare alle sfide e alle incertezze che si presenteranno in futuro. Questo è evidenziato da domande mentali come: “E se…?” In questo caso, nessuna delle paure è reale. Sono costruzioni mentali completamente infondate perché il futuro non è ancora emerso. È uno stress inutile che ci procuriamo pensando troppo. Questa paura si verifica quando ci permettiamo di dubitare della nostra decisione di emigrare. 

Ulteriori preoccupazioni si insinuano quando iniziamo a pensare di doverci adattare a una nuova cultura e a un nuovo ambiente e forse anche alla prospettiva di dover imparare una nuova lingua; specialmente quando qualcuno si considera non molto bravo con le lingue. La prospettiva di non riuscire a comunicare è sufficiente a paralizzare qualcuno nel fare progressi. Ricordo di aver avuto una conversazione con un cliente che aveva paura di trasferirsi all’estero perché si chiedeva cosa avrebbe fatto se si fosse ammalato e non avesse potuto comunicare con un medico. Questo denota due paure: la barriera linguistica e l’auto preservazione. 

Quando ci trasferiamo, è naturale provare tristezza nel lasciare amici e familiari, ma per un migrante questa tristezza può portare a costruzioni mentali ingiustificate di isolamento. Può sperimentare momenti di insicurezza riguardo alla propria capacità di stabilire nuove amicizie e trovare sostegno nella comunità, ecc. Ancora una volta, questa è una paura infondata causata dal pensare troppo. Lo dico perché a) il migrante non ha ancora vissuto pienamente l’esperienza della migrazione stessa e b) se una persona ha fatto amicizia nel proprio paese, farà sempre amicizia nel paese di destinazione. 

Uno dei maggiori stress della migrazione deriva dalla necessità di superare procedure burocratiche e formalità legali nel paese di destinazione, come ad esempio il permesso di residenza, l’apertura di un conto bancario, la ricerca di un avvocato o di un agente immobiliare onesto e affidabile e la prevenzione dalle truffe da parte di gruppi che mirano agli stranieri che migrano. 

Personal Development, the Ego, Overcoming Challenges Mental Health Positive Mindset Inspirational Content Transformation Self-Improvement Empowerment Mindfulness Coaching Onlince course Venerina V2V Method, overcome procrastination, worry, anxiety, overthinking

Dal trauma alla crisi di identità culturale

Fino a questo punto, ho discusso degli stress, delle preoccupazioni e dell’ansia che può affrontare un migrante medio per scelta, ma se parliamo di migranti costretti a lasciare il proprio paese a causa di guerre, carestie, persecuzioni o catastrofi naturali, possiamo aggiungere il trauma al mix mentale ed emotivo. Solo per la cronaca, il trauma ha un impatto grave sulla salute mentale. I migranti che hanno subito un trauma finiranno inevitabilmente con il Disturbo da Stress Post-Traumatico (PTSD). 

Successivamente, dopo che qualsiasi migrante ha trascorso del tempo nel paese di destinazione, se le aspettative non sono state soddisfatte e/o non riescono a far funzionare le cose in quel paese, possono persino iniziare a sentirsi depressi, il che porta a un isolamento reale, ad un abbassamento dell’autostima ed a una mancanza di fiducia nelle loro capacità decisionali. La negatività legata ai loro fallimenti potrebbe offuscare la loro mente e portare a giudizi scadenti ed a decisioni sbagliate. 

Qualcosa che potrebbe accadere è che un migrante potrebbe finire per sperimentare una crisi dell’identità culturale. Questo si verifica quando la persona che ha migrato smette di identificarsi completamente con la propria cultura di origine e fatica ad abbracciare quella nuova. Nel mio caso particolare, ho acquisito e assimilato il meglio di ogni cultura in cui mi sono trovata a vivere, il che mi ha impedito di identificarmi appieno con le culture dei miei genitori. 

Questa crisi dell’identità culturale può svilupparsi ulteriormente in sentimenti di non appartenenza da nessuna parte e di isolamento. Lo stress, le preoccupazioni e l’ansia possono avere un grave impatto sulla salute mentale al punto da causare depressione. La depressione e altri problemi di salute mentale comportano disturbi fisici di cui parlerò nel prossimo articolo. 

 

Natural health, the ego, supplements, mind, ashwagandha, body, energy, Not good enough, no soy bueno, blog, articulo,

Stress, effetti emotivi e fisici

Ringrazio Venerina Conti per questa completa analisi degli effetti psicologici, mentali ed emotivi che l’espatrio può provocare sulle persone migranti e che possono tradursi anche in effetti fisici. Infatti, per combattere e contrastare gli effetti negativi dell’affaticamento da stress, il corpo tenta di produrre risposte ormonali specifiche, provocando delle alterazioni dell’equilibrio interno a livello endocrino, umorale, organico o biologico. La risposta ad un evento stressante produce effetti emotivi, psicologici e/o somatici. 

Tutte situazioni che ho sperimentato in prima persona nei primi mesi (o forse dovrei dire anni) del mio espatrio: insonnia, nervosismo, disturbi gastrointestinali, dolore e tensione muscolare, mal di testa, bruxismo, acufene… ma anche tristezza, depressione, solitudine, sconforto. Ma degli effetti fisici dello “stress da espatrio” parlerò in un prossimo articolo.

L’articolo originale “Espatrio è sinonimo di Stress” si trova sul sito “Tornare in Sicilia” di Chiara Crisci. 

Desarrollo Personal, ego, Superar Desafíos, Salud Mental, Mentalidad Positiva, Contenido Inspirador, Transformación, Auto-Mejoramiento, Empoderamiento, Atención Plena, Motivacional, Psicologia positiva Venerina Metodo V2V Curso Online Coaching PSICOLOGIA

Desarrollo Personal, ego, Superar Desafíos, Salud Mental, Mentalidad Positiva, Contenido Inspirador, Transformación, Auto-Mejoramiento, Empoderamiento, Atención Plena, Motivacional, Psicologia positiva Venerina Metodo V2V Curso Online Coaching RETIROS PRIVADAS CONFERENCIAS

 

Natural health, the ego, supplements, mind, ashwagandha, body, energy, Not good enough, no soy bueno, blog, articulo,

Similar Posts

Leave a Reply